Navigazione veloce

Ulteriori chiarimenti del Dirigente Scolastico per la didattica a distanza

INDAGINE SULLA DIDATTICA A DISTANZA ATTUATA DALLE SCUOLE IN EMERGENZA SANITARIA DA COVID-19

image_pdfimage_print

Ai docenti

Agli studenti

Ai loro genitori

Ulteriori chiarimenti del Dirigente Scolastico per la didattica a distanza

 

Poiché giungono richieste da parte di docenti su alcuni aspetti relativi alle attività di didattica a distanza il Dirigente Scolastico RIBADISCE e CHIARISCE quanto segue, come già, in gran parte,  evidenziato nelle proprie direttive emanate in data 09.03.2020:

  • tutte le attività di didattica a distanza svolte da ogni docente devono avere evidenza nel Registro Elettronico e devono quindi essere registrate accedendo da “CONSULTAZIONE” nel Registro stesso. Allo stesso modo e con la medesima procedura possono essere riportati i nominativi degli studenti presenti/assenti alle lezioni “on line”, ovvero di chi svolge esercizi, compiti ecc. assegnati dal docente. Nella didattica a distanza risultano però quantomeno inopportune note disciplinari o reprimende a singoli o più studenti su gruppi o social. Siamo in un momento di emergenza, mai vissuto prima, e abbiamo da gestire i nostri ragazzi con modalità mai sperimentate in precedenza, adolescenti che sono costretti e devono stare in casa 24h su 24: direi che non si tratta proprio di normalità! Usiamo tutti il buon senso: i docenti con approcci umani ed accattivanti, che facciano sentire agli studenti quanto  teniamo a loro e alla loro preparazione e gli studenti tutti dimostrino serietà ed apprezzamento per tutto quello che i docenti stanno mettendo in campo, seguendo le videolezioni e svolgendo puntualmente tutte le attività, gli esercizi e le prove proposte. Al rientro a scuola si dovrà verificare il tutto;
  • Relativamente alle valutazioni di eventuali prove/verifiche somministrate agli studenti si ribadisce quanto segue:  “Per quanto attiene alla valutazione di compiti, esercizi, lavori prodotti dagli studenti, il Dirigente Scolastico, oltre a ricordare che tali valutazioni devono essere effettuate secondo i criteri e le modalità già deliberati dagli O.O.C.C. competenti, EVIDENZIA che le verifiche a distanza  superano le modalità tradizionali.  Ciascun docente dovrà quindi fare un ragionamento ponderato sul “peso” del voto, peso che dipenderà dalle tipologie delle attività assegnate, ovvero dal grado di attendibilità delle prove stesse, che dipenderà dall’aiuto che lo studente può avere nello svolgimento a distanza  delle verifiche assegnate. Questi primi nuovi tentativi vanno comunque premiati perché, nella drammaticità della situazione, la scuola ha una grande occasione di crescita.”                                                                              I voti vanno registrati in un apposito file o registrino. In merito si attendono anche eventuali indicazioni del Ministero che possano uniformare“il suddetto peso” di  tali valutazioni per tutte le scuole, ovvero, al rientro a scuola, si valuterà in Collegio Docenti come procedere in merito. La nota 279 del 08.03.2020 dei capi dipartimento del Ministero, Marco Bruschi e Giovanna Boda, infatti così ricorda:” La normativa vigente (Dpr 122/2009, D.lgs 62/2017), al di là dei momenti formalizzati relativi agli scrutini e agli esami di Stato, lascia la dimensione docimologica ai docenti”;
  • Le diverse attività proposte da ogni singolo docente non devono superare il monte ore settimanale di ciascuna disciplina;
  • Infine si ricorda agli alunni che, qualora volessero registrare le lezioni dei docenti, devono fare richiesta ed essere autorizzati dai docenti stessi. Non è infatti loro permessa la registrazione senza il consenso degli insegnanti.

Nell’augurio più vivo che questo tragico momento di emergenza possa terminare il più presto possibile e nel migliore dei modi mi permetto di fare una raccomandazione a tutti:

STATE  A  CASA!!!

 

15.03.2020

Il  Dirigente  Scolastico

Prof.ssa Daniela Lazzati





Login